Vai a sottomenu e altri contenuti

L'Unione dei sindaci

Data: 20/01/2022 11:00
L'Unione dei sindaci

Alberto Urpi, 43 anni, funzionario direttivo della società Abbanoa, è al suo secondo mandato come sindaco di Sanluri. Urpi è stato rieletto lo scorso ottobre 2020 e guida il Comune più grande dell'Unione Marmilla. Il sindaco della ''città'' di Sanluri crede fermamente nelle potenzialità della sua comunità, ma anche dell'intero territorio. E auspica che i comuni della Marmilla riescano sempre più a fare squadra, senza campanilismi, per la crescita, lo sviluppo e il rilancio della zona interna.

Quanto è difficile fare il sindaco oggi?

''Molto, ma è soprattutto impegnativo. Con la separazione dei poteri della politica, che da indirizzi e dei funzionari, che si occupano della gestione, diventa sempre più complicato muoversi senza mai sconfinare e portando a casa dei risultati. Il rapporto con la burocrazia è sempre complesso. Ci ha pensato poi la pandemia a rendere ancora tutto più difficile e pesante con un sistema sanitario in crisi e i cittadini, che pretendono risposte''

E quanto è difficile farlo in Marmilla?

''E' difficile senza dubbio per i motivi già esposti prima, presenti in qualsiasi territorio. Ma fare il sindaco in Marmilla è anche bello e stimolante. E' un territorio, che sta cercando di unirsi sempre di più e con meno protagonismi fra comuni. La Marmilla è poi una terra di persone con la schiena dritta, orgogliose, gente che lavora, una terra di cultura. E' forse il territorio interno in Sardegna, che possiede la maggiore quantità di beni archeologici, dal prenuragico al nuragico e al medioevo. Tutto questo stimola noi amministratori, ci stimola anche a scommettere su un tipo di turismo, diverso dalle altre zone dell'isola''

Che cosa Le ha insegnato la pandemia?

''Siamo molto fragili. Siamo essere umani fragili dal punto di vista fisico, ma anche dal punto di vista psicologico. Per la prima volta da amministratore ho avuto modo di toccare con mano questa fragilità. Non avevo mai visto una popolazione così spaventata. Persone, che stavano bene e a distanza di una settimana, saperle defunte o in terapia intensiva, ha originato questo tipo di fragilità psicologica, che deve diventare un insegnamento per tutti. Una lezione per vivere al meglio tutti i momenti della vita''

urpi1

(La cerimonia di proclamazione di Sanluri come 'città')

E cosa crede la pandemia abbia insegnato ai suoi cittadini?

''Sicuramente che il rispetto delle regole di una comunità ha benefici non solo per se stessi, ma anche per gli altri. Rispettare le regole sanitarie, in questo caso, condiziona anche la vita degli altri. Ognuno non può pensare di vivere da solo e comportandosi liberamente, senza conseguenze per chi vive nella stessa comunità''

Come o in che aspetto vorrebbe cambiare la sua comunità durante il suo mandato

''Vorrei rendere la mia cittadina sempre più consapevole dell'importanza dell'impegno comune per migliorare la vita di tutti. Vorrei poi che i sanluresi percepissero la nostra comunità sempre più come un centro di discussione culturale, economica, centro di esperimenti economici e nuove attività, un luogo sempre più frizzante rispetto al giorno precedente''

urpi2

(Il saluto del consiglio comunale al comandante dei vigili Roberto Casu)

Un progetto da realizzare in questi anni per la sua comunità

''Continuare a migliorare i servizi in qualsiasi settore, come abbiamo già fatto negli ultimi anni. Abbiamo creato un polo museale, sono in corso dieci milioni di euro di lavori pubblici. Cito la piscina, il palazzetto dello sport, i nuovi viali nel centro urbano. Ancora l'ampliamento della zona industriale, l'asilo nido pubblico. Servizi importanti, che possano motivare chi vive a Sanluri a rimanerci e altre persone a trasferirsi nella nostra cittadina. Infine dare una casa a tutte le associazioni culturali, alle quali Sanluri deve la sua vivacità''

Un progetto da realizzare per la Marmilla

''Riuscire a far identificare la Marmilla come un territorio unico a tutti i cittadini sardi. Dobbiamo tendere ai modelli migliori. Faccio l'esempio del Chianti. Nessuno o quasi nessuno di coloro che visitano quel territorio si ricordano il paese, dove hanno alloggiato. Si ricordano della zona del Chianti. Noi dobbiamo fare in modo che la Marmilla diventi la stessa cosa, per chi viene in Marmilla deve essere indifferente soggiornare a Sanluri, come a Tuili, Gesturi o Villamar''

Un sogno per la sua comunità

''Che Sanluri si affermi sempre di più nel panorama regionale. Che la nostra cittadina abbia sempre rappresentanti importanti del mondo dell'impresa, della politica, dell'associazionismo. Che Sanluri sia sempre sotto i riflettori dei ragionamenti culturali, economici della Sardegna. Che sia sempre più protagonista nella nostra isola''

Un sogno per la Marmilla

''Mettere a sistema tutte le potenzialità turistiche presenti, davvero incredibili. Penso ai nuraghi, le tombe dei giganti, i castelli, gli ulivi secolari, i musei, l'esperienza del Consorzio Sa Corona Arrubia, le grandi competenze del mondo dell'enogastronomia. Tutto questo deve essere inserito in un pacchetto turistico da proporre ai tour operators mondiali''

urpi3

(Il sindaco Alberto Urpi con tutto il consiglio comunale)

Quale e che tipo di rapporto vede in futuro fra il suo Comune e l'Unione Marmilla

''Noi abbiamo creduto da sempre nell'Unione in maniera forte e lo dimostrano i fatti. Abbiamo deciso tempo fa di slegarci da alcuni enti, che avevano come unica mission la raccolta differenziata e abbiamo scelto di aderire al servizio dell'Unione con altri diciassette comuni. Sanluri ha una situazione demografica diversa rispetto agli altri 17 comuni dell'Unione. Il fatto che abbiamo deciso di stare in un Unione con altri comuni, molto piccoli rispetto a noi, dimostra quanto Sanluri abbia a cuore questo territorio. Credo che l'Unione Marmilla sia l'Unione di comuni in Sardegna che registra demograficamente la differenza più consistente fra un municipio e tutti gli altri. Abbiamo anche fatto di tutto per dare all'Unione una casa proprio qui a Sanluri, per dare al Plus una casa a Sanluri nel nostro palazzo migliore. Continueremo a fare il massimo per creare questa collaborazione fra il nostro Comune e tutti gli altri per far crescere un ente sovra comunale, che rappresenta una vera risorsa per tutti''

Un consiglio che darebbe all'Unione Marmilla

''Essere sempre più squadra. E' difficile esserlo, molte volte lo siamo, però, spesso e volentieri, resistono i campanilismi. Questa contaminazione fra territori deve partire innanzitutto da noi diciotto sindaci. E nessun Comune deve vedere come fatto negativo la presenza di un servizio per l'intero territorio in un altro Comune. Come dire: l'hinterland cagliaritano cresce se cresce Cagliari. Io sono felice che ogni anno il nuraghe di Barumini sia uno dei siti più visitati in Sardegna. Alcuni turisti si fermeranno anche a Las Plassas, a Sanluri. Lo stesso vale per i servizi del terziario''

Ha già deciso se ricandidarsi alla scadenza del suo mandato elettorale?

''Sono al secondo mandato e non mi posso più ricandidare come sindaco. Mi auguro comunque che alle prossime elezioni regionali il nostro territorio riesca ad eleggere un suo rappresentante''.

Antonio Pintori

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Presidente
Referente: Antonio Pintori
Indirizzo: Via Carlo Felice n. 267 - Sanluri
Telefono: 0709307050  
Fax: -
Email:
Email certificata: unionecomunimarmilla@legalmail.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto